Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su American Moon (MM vs Bob) Risposte alle domande 27-28-29-30. Danni alle pellicole. è stato compilato e modificato dal nostro team da molte fonti su Internet. Spero che questo articolo sull’argomento Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ti sia utile.

Guarda il video American Moon (MM vs Bob) Risposte alle domande 27-28-29-30. Danni alle pellicole.


Puoi visualizzare altri contenuti su Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà sul nostro canale YouTube: Fai clic qui

Descrizione American Moon (MM vs Bob) Risposte alle domande 27-28-29-30. Danni alle pellicole.

Risposta sintetica alle domande 27-28-29-30
Le domande 27, 28, 29, 30 sono in pratica la stessa domanda e dove ci si chiede perché nelle foto lunari non ci sono danni da radiazioni.
Come dimostrato nel video di riferimento allegato a questa risposta, i danni da radiazioni ci sono e sono ovviamente comparabili con l’effettivo livello radioattivo della luna che è di 13,2 micro grey/ora.
Anzi analizzando in modo approfondito le foto scannerizzate e non modificate si possono identificare quattro livelli differenti: foto senza alcun segno di danni fatte nel modulo di comando e in orbita bassa. Foto con un leggero danno scattate dal Lem in prova (durante la missione apollo 9) in orbita bassa. Foto con un più marcato danno scattate dal modulo di comando in orbita lunare e foto con il maggior degrado fatte sulla superficie lunare. Tutti i danni sono comunque accettabili, come correttamente affermava la nasa negli anni 70, e oggi perfettamente rimediabili via software.
Questi 4 livelli naturalmente sono rilevabili solo ed esclusivamente nelle pellicole scannerizzate e poi non processate con software di editing immagini.
Il danno in tutte le foto, sebbene in misura differente, è una tonalità verde azzurrognola che inquina le parti scure e i mezzi toni delle immagini, rendendo nel contempo le zone scure visibilmente granulose, almeno ad un’analisi più approfondita.
Tutte le stampe e le foto fatte vedere nel documentario invece rientrano nelle foto modificate con Photoshop e dove il leggero danno da radiazioni è stato facilmente eliminato, per cui l’asserzione dove il documentario si chiede: dov’è il degrado, significativo ma accettabile, che dovrebbe risultare sulle pellicole delle foto lunari?
trova una risposta certa e verificata, perché il degrado c’è e lo si vede perfettamente e se l’autore non l’ha visto è solo perché delle foto lunari ignora tutto, ad iniziare dal fatto che essendo immagini digitalizzate, possono essere migliorate e i danni da radiazioni perfettamente nascosti (infatti nonostante l’autore, con malcelata supponenza, lo neghi nelle sue contro risposte a Bomb on board, io nel video ho fatto vedere come le immagini di danni da radiazione da scanner aereoportuali da lui stesso proposte nel suo documentario e portate come esempio, sono state perfettamente corrette). Non solo, ma per chi ha conoscenze in ambito di fotoritocco, è altrettanto semplice distinguere le foto originali prodotte da scansioni, dalle stesse foto scansionate e poi modificate da software di editing immagini, in quanto basta consultare la specifica Exif presente nei metadati di ogni immagine digitale per distinguerle, cosa che l’autore, al pari dei suoi consulenti fotografi, hanno ignorato, in quanto fotografi di altri tempi, e cioè di quando c’era solo la fotografia analogica e da perfetti incompetenti in nuove tecnologie, hanno ingenuamente scambiato le foto modificate per foto originali, pensando che danni da radiazioni, in qualunque foto, anche in quelle digitalizzate, non fossero assolutamente recuperabili.

Purtroppo i tempi cambiano e non basta essere stati fotografi e nemmeno fotografi di successo in campo analogico, bisogna aggiornarsi, altrimenti si fanno queste pessime figure, e attenzione… questo non è che l’assaggio, perché quando passeremo alle prossime domande sulle caratteristiche delle foto lunari saranno altre inflessibili e meritatissime bacchettate.

Domanda su Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà

Se hai domande su Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, faccelo sapere, tutte le tue domande o suggerimenti ci aiuteranno a migliorare nei seguenti articoli!

L’articolo Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà è stato compilato da me e dal mio team da molte fonti. Se ritieni che l’articolo Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ti sia stato utile, supporta il team Mi piace o Condividi!

Valuta gli articoli Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà

Valutazione: 4-5 stelle
Valutazioni: 6786
Visualizzazioni: 48 17 5866

Cerca parole chiave Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà
modo Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà
tutorial Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà
Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà gratis
[title_words_as_hashtag]

Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=ZgrEgaqL_zM

Related Posts

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su Il LAVORO più SEMPLICE che PUOI FARE ONLINE – Con…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su VOICE CHANGER: il plugin per CAMBIARE LA VOCE in VIDEO…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su I MIGLIORI POST DELL'ANNO del REDDIT MODIFICATO! è stato compilato…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su Il futuro… usiamo l'intelligenza artificiale per trasformare le immagini –…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su IL FINALE PIU' BELLO DI SEMPRE!!! [Pokemon Scarlatto ITA #10]…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su For Honor: PERSONALIZZAZIONE, LOOT, LIVELLI e RICOMPENSE – COME funzionano…

This Post Has 27 Comments

  1. Errata corrige: Nel video c'è una piccola imperfezione che correggo volentieri.
    A 30:04 dico che sulla luna sono stati misurati 13,2 micro sievert all'ora. Attenzione il dato esatto è 13,2 micro grey all'ora come si può leggere dal documento visualizzato.
    Che differenza fa tra sievert e grey? La differenza è che con il grey si misura la quantità di radiazione assorbita, con il sievert si misura il DANNO BIOLOGICO.
    Normalmente il grey corrisponde al sievert per radiazioni come i raggi X e radiazioni elettroniche e protoniche. Ma se sono presenti neutroni e nuclei d'elio da raggi cosmici allora si applica un fattore di conversione tra il grey e il sievert diverso da uno. Sulla luna ci sono 13,2 micro grey ma 60 micro sievert, e quindi il fattore di conversione (Q) è 60:13,2 = 4,5
    Però attenzione qui si parla di pellicole e non di persone umane, per cui il dato esatto è 13,2 micro grey che vanno confrontati con i 600 micro grey delle mammografie e radiografie (nei raggi X il fattore di conversione Q =1 per cui 600 micro sievert valgono 600 micro grey) e il calcolo fatto nel video è assolutamente esatto, e cioè per irradiare una pellicola come si irradierebbe sotto una radiografia umana bisognerebbe passare 45,5 ore sulla luna.
    Spero di aver chiarito la questione.

  2. Tutto quello che ho ascoltato e visto nel presente video, tipo FOTOGRAFO AMMUFFITO, DISINFORMATO, FAKE DOCUMENTARIO, M.M. CHE SI AVVALE DI FOTOGRAFI INCOMPETENTI e altre cose dette a sfavore di American Moon non è stato contestato da nessun discepolo di American Moon, ad eccezione mia. Quindi, io dico una cosa: Chiaro&Semplice, sei liberissimo di fare tutti i video che vuoi, che come vedi convincono solo i tuoi adepti che ti acclamano e ti fanno i complimenti e lode sperticate come se si risvegliassero da un coma profondo, ma non certo chi è complottista. Abbi però la compiacenza di non offendere chi non la pensa come te; non è nel buon costume di una persona che vuole mantenere viva la tesi ufficiale di un avvenimento, come stai facendo tu, di denigrare chi dimostra il contrario. M.M. non ha mai offeso nessun debunker o chi non la pensava come lui, ha semplicemente fatto nome e cognome. Quindi, se vuoi avere credito e seguito, continua nel tuo lavoro, ma non offendere la parte avversa, cerca di avere una gentile cura di chi vorresti smontare, almeno i tuoi video non perdono d' eleganza.

  3. Più si scava, più si scopre che MM è, oltre che in pesante malafede, un ignorante anche nelle materie in cui lui dice (ma quello che dice lui abbiamo visto quanto è attendibile!) di essere preparato.

  4. Innanzitutto grazie per questi video, sono veramente esaustivi, ma ti voglio chiedere una cosa: davvero credi che serva a qualcosa? Mazzucco non ammetterà mai di sbagliarsi, perché lui con le ca**ate che dice ci fa i soldoni, quindi non cederà mai, neanche davanti alle evidenze più…evidenti, ma che dire di quelli che lo sostengono? Ci fanno una pessima figura e pure gratis, magari ci guadagnassero qualcosa…ad oggi, gennaio 2023, sostenere che non siamo stati sulla luna è follia, ci sono stati altri ed hanno fotografato i siti di quelli che ci sono stati prima…ma cosa vogliono questi, che qualcuno li porti sulla luna? Ci avete provato in tanti, con prove ed evidenze scientifiche e tanto niente, questi si sono incaponiti, abbrutiti sulle loro posizioni folli, e niente, ripeto, niente riuscirà a smuoverli perché nessuno vuole ammettere,e non mi riferisco a M., di essersi sbagliato, di essere solo un povero cristo che ha arricchito chi con queste balle mirava proprio a questo.

  5. Probabilmente questo commento non è pertinente con questo video, ma esiste un sito dove è possibile zumare una fotografia dell'intera luna fino ad arrivare ad un dettaglio che permette di intravvedere quello che è rimasto sulla luna dei vari moduli di allunaggio delle missioni Apollo. Nel video YouTube Apollo Moon Landing Sites del canale Forrest Haggerty Channel è spiegato come fare.

  6. SCANSIONI ORIGINALI? Facciamo chiarezza.

    ho visto che su luogocomune, dopo questo video, è iniziato il solito giochetto del rifiuto delle prove, in pratica visto che su flickr ci sono le foto con evidenti segni di radiazioni, allora quelle foto di colpo non sono più originali, non si sa chi le ha messe e le foto originali sono altre.

    Allora… che le foto su flickr abbiano l'imprimatur della nasa è garantito da questo link che vi porta ad una pagina della nasa dove si indica come fonte delle proprie foto originali il famoso portale di foto, e il link della nasa porta al canale Project Apollo Archive.

    https://svs.gsfc.nasa.gov/Gallery/apollo.html
    Per cui le foto su Flickr sono a tutti gli effetti FOTO PRODOTTE DALLA NASA.

    L'altra prova è che tutte le foto likate sulle pagine dell'APOLLO LUNAR SURFACE JOURNAL https://www.hq.nasa.gov/alsj/main.html sono perfettamente identiche alle foto presenti su flickr (ovviamente quelle migliorate via software).

    Va detto che le foto su flickr sono scansioni del 2005 e modificate nei livelli (per fortuna non tutte) nel 2015.

    C'è però un altro sito legato all'università della Arizona che ha rifatto le scansioni alle foto della nasa, (l'università è quella che cura anche le foto LROC della sonda LRO) e qui troverete il link https://tothemoon.ser.asu.edu/ e queste scansioni sono state fatte successivamente a quelle del 2005.
    La pagina dell'università è stata creata nel 2012 anche se le scansioni del programma apollo compaiono nel 2013.

    Come si può notare su queste scansioni c'è una profonda modifica dei livelli fatti a livello di scansione, dove la luminosità è stata impostata per avere i cieli completamente neri.

    Questo modifica imposta a livello di scansione ha portato a foto terribilmente brutte. Vi metto qualche link per verificare:

    https://tothemoon.ser.asu.edu/data_a70/AS11/extra/AS11-40-5896.small.png

    https://tothemoon.ser.asu.edu/data_a70/AS11/extra/AS11-40-5900.small.png

    https://tothemoon.ser.asu.edu/data_a70/AS11/extra/AS11-40-5892.small.png

    La cosa ridicola è che questa famosissima foto tratta dal sito dell'università è perfettamente simile a quella prodotta dai mythbusters e che invece secondo MM non erano riusciti a ricreare la luminosità della tuta.

    https://tothemoon.ser.asu.edu/data_a70/AS11/extra/AS11-40-5869.small.png

    Ma questo perché MM ha preso come riferimento la foto presente su flickr (ovviamente quella con i livelli modificati) mentre i suoi supporter adesso dicono che quelle foto non sono originali, ma sono originali quelle altre. Ma allora hanno ragione i Mythbuters! Siamo al teatro dell'assurdo.

    Qui le due foto messe a confronto: Flickr a sinistra e università Arizona a destra.

    https://imgur.com/a/LoOYvNJ oppure https://ibb.co/bzZjvk5

    La luminosità della tuta cambia in modo molto evidente.

    Non solo… ma guardando la foto della paletta colori di riferimento presente in coda ai rullini si può notare come questa paletta colori sia totalmente sfasata. Guardate il riferimento del colore verde (green) che è il colore ultimo a destra ed è quasi completamente nero, cosa fatta proprio per cancellare gli effetti delle radiazioni presenti sulle pellicole.

    http://tothemoon.ser.asu.edu/data_a70/AS11/extra/AS11-37-chart.med.png

    Questa invece è la paletta colori presente su flikr con le scansioni del 2005. La paletta è perfetta.

    https://www.flickr.com/photos/projectapolloarchive/21660098595/in/album-72157658601662068/

    Riassumendo: le foto dell'università dell'Arizona sono sì scansioni originali, diverse da quelle del 2005, ma dove la taratura dello scanner è stato impostato su di un livello di nero fittizio che ha reso le foto tetre e che ha fatto perdere a queste foto moltissimi dettagli a meno che non se ne modifichi profondamente la luminosità con un programma di editing.

    Soprattutto quelle foto non sono quelle fatte vedere da MM ai fotografi, in quanto mancherebbero di tutta quella luminosità che tanto ha fatto (e sta facendo tutt'ora) discutere la vulgata complottista.

  7. Insomma, pare che il nostro M.M. abbia fatto qualsiasi lavoro, ah ah 🤣🤣🤣

  8. Stavo leggendo i commenti su LC riguardo le tue risposte. In effetti la dose assorbita sul suolo lunare misurata da Chang'e 4 è 13,2 microGray/ora, e non microsievert. Questo valore, è il caso di ribadirlo, rientra esattamente nel range di valori registrati dai dosimetri personali degli astronauti scesi sulla luna, che corrispondono a 0,8 millirad/ora di A14 a 1,5 millirad/ora di A16.

  9. Complimenti come sempre.
    Vorrei contattarti in privato, ma non so come. Se ti interessa uno scambio di idee, trovi il mio contatto sul blog all'indice delle domande.

  10. Madonna, sti video sono l'equivalente di una bastonata sul cranio per MM. 😂 ovviamente nulla farà ammettere al Mezzucci di aver toppato.

  11. DOMANDA AI COMPLOTTISTI.

    In questo video abbiamo fatto una ricerca approfondita per capire quali erano le immagini della nasa scannerizzate originali (poche) per distinguerle da tutte quelle modificate da programmi di editing (la maggior parte) e abbiamo visto che quelle originali contenevano difetti compatibili con delle esposizioni a livelli di radiazioni piuttosto contenuti (in particolare presenza di nebbia sulla diapositiva che nelle zone scure si manifestava come luce abusiva con caratteristiche di granulazione azzurro verdastra).

    Per la vulgata complottista, quelle foto sono state fatte sulla terra e non sulla luna, è ovvio e da qui non si può prescindere, per cui per ottenere quel particolare difetto, 50 anni fa, la nasa ha dovuto inevitabilmente irradiare le pellicole, visto che nelle stampe dell'epoca i difetti c'erano e si vedevano, (e se volete una stampa originale d'epoca verdina dovete pure sborsare diverse migliaia di dollari come base d'asta).

    https://www.sothebys.com/en/buy/auction/2019/space-photography-online/apollo-11-aldrin-descends-the-ladder-vintage-nasa

    Come è possibile allora che sul sito della nasa e in molti altri siti collegati, si trovino praticamente solo le foto modificate dalla nasa e non si dichiara mai che sono modificate? Che senso avrebbe per la nasa "rovinare" con le radiazioni le foto 50 anni fa e poi correggere le foto con Photoshop e far vedere sempre quelle modificate senza dichiarare che sono foto modificate?

    Non facevano prima a non irradiarle 50 anni fa e non passarle oggi con Photoshop?

    Così anche ai tempi avrebbero avuto stampe perfette.

    Allora… se usciamo da una logica complottista il tutto si spiega benissimo: le foto originali erano imperfette proprio a causa delle radiazioni e visto che oggi è possibile migliorarle, sono state offerte al vastissimo pubblico di internet spogliate dai difetti dovuti alle radiazioni. Così tutti i particolari erano più visibili e avrebbero riprodotto correttamente l'ambiente lunare, che non è certo avvolto da una nebbia azzurro verdastra. E in quest'ottica non c'era alcun bisogno di dire che erano modificate perché quelle "modificate" erano all'opposto quelle irradiate che nascondevano la vera immagine della superficie lunare.

    Scelta assolutamente ragionevole.

    Ma nella logica complottista come si spiega? La nasa ha irradiato le foto per rendere credibile la finzione ed oggi si è completamente dimenticata il motivo per cui le aveva irradiate 50 anni fa e corregge le foto con Photoshop senza dichiaralo, così il fotografo più intelligente del mondo si può chiedere: dov'è il degrado, significativo ma accettabile, che dovrebbe risultare sulle pellicole delle foto lunari??

    Ma alla nasa si sono bevuti il cervello, o il cervello i complottisti l'hanno portato al banco dei pegni (banco gestito da MM)?
    Se i complottisti sono convinti che anche oggi la nasa cerca in tutti i modi di coprire la finzione, (es. le false foto dell'LRO sui siti di allunaggio, i cinesi con le missioni chang'e con i panorami identici alle missioni apollo, le missioni Artemis ecc.) che senso avrebbe correggere di nascosto "l' irradiazione fittizia" fatta proprio per rendere credibile la finzione?
    C'è per piacere un complottista che mi risponde?( qui, o magari dal loro covo di matti?)

  12. Di fotografia ne capisco davvero poco. Grazie a questo splendido video (complimenti), ho colmato qualche lacuna. 😊😊

  13. dovresti fare un video sul post di luogocomune del 26 dicembre sull'articolo di focus sulla luna

  14. Inflessibili e meritatissime bacchettate!, povero MM. Lei, caro prof, risulta piacevolmente cattivo nei confronti di MM, per questo risulta piacevolmente interessante seguirla. Ammiro l'immane lavoro a cui, ogni volta, si sottopone.

  15. DOMANDA per chiaro&semplice: se credi (mi accontento anche solo di un tuo: "no comment"), gentilmente accogli la mia domanda:
    – mi confermi il mio sospetto, e cioè che Bob sei tu stesso, ovvero chiaro&semplice ?
    Nel caso, è stata una mossa geniale, visto il (prevedibile) maltratrattamento che Mazzucco ha riservato a Bob, e visto come hai potuto aggirarlo, prevenendolo.
    Nel caso Mazzucco ci è cascato come una pera cotta.
    Grazie, ripeto, anche solo per un tuo eventuale: "no comment".

  16. 😶 Ma pure io ho fatto passare 7 rullini da 36 pose della Kodak sotto i raggi X dell'aeroporto, e non ho subito nessun degrado da radiazioni.

  17. Per chi volesse approfondire l'argomento, consiglio una pubblicazione NASA del 1995, chiamata The effects of Space Radiation on Flight Film. Chiaramente questo problema, a dispetto dei lunacomplottari, non è stato sottovalutato, anzi ha costretto a svolgere esperimenti sullo Space Shuttle. Nell'articolo c'è chiaramente la spiegazione per la quale le foto delle missioni Apollo eseguite in orbita bassa non hanno quel degrado (chiamato "fog" dalla NASA stessa) che invece si trova nelle foto scattate oltre essa. Questo degrado è dovuto soprattutto dalle radiazioni a basso LET. Cioè elettroni e raggi x di natura prettamente secondaria. Questo degrado quindi confermerebbe oltretutto che tali missioni oltrepassarono le FVA e rimasero per giorni nello spazio interplanetario.

  18. Chissà se nella faccia dell'autore del Documentario Che Ha Sconvolto L'Opinione Pubblica Mondiale ci siano evidenti segni di degrado dopo questa bomba termonucleare che ha preso sui denti….

  19. Una banconota falsa, scannerizzata, darà una banconota falsa.
    Una banconota vera, scannerizzata, darà sempre una banconota falsa.
    L'unico modo per sapere se esistono banconote vere è solo quella di averle tra le mani. Ecco dunque, ma i suoi amici fotografi (comunque di tutto rispetto), che cavolo di analisi potevano mai fare? E difatti le loro conclusioni sono state totalmente sbagliate e MM, si è fatto prendere da facili entusiasmi, pur sapendo di non aver dato prove certe.
    In questo caso specifico, l'errore di superficialità (chiamiamolo così), lo hanno fatto i suoi "colleghi" fotografi. Uno preparato e da vero professionista, avrebbe detto di vedere le pellicole-diapositive, per dare una risposta precisa.
    Come aver messo davanti ad un fonico, non un audio originale, ma un brano registrato col telefonino, con un rumore di fondo, ovvio che l'esperto direbbe che è un audio schixoso.
    OFF TOPIC: Oggi, col digitale, si lavora con il RAW che è l'equivalente della vecchia pellicola, lavorare su un file JPEG, PNG, che sono file che hanno già subito una "compressione" è sbagliato, ma usato quando non ci sono valide alternative, come quella appunto di avere sul PC, un formato RAW. Questo formato permette, in maniera più precisa, di agire sui neri, sui bianchi e sulle ombre, oltre che su tutti i canali. Inoltre, oltre a Photoshop, ci sono plugin (T.az, A. is) che hanno quel compito specifico cioè quello di intervenire sulla granulosità, noise, artefatti di compressione, rumore.

  20. Informazioni di grandissimo livello…peccato che i complottari, abbiano problemi a fare una divisione con due cifre e quindi molte delle spiegazioni andranno (per loro) perse nel vuoto cosmico del loro cervello…

  21. Ogni volta che dici "fake documentario" mi immagino Mazzucco che butta giù una pasticca di Maalox 😁 Questa volta hai umiliato Mazzucco nel suo campo, dimostrando che pure come fotografo ha le competenze di un bibitaro dopo già le pessime figure che aveva fatto, mostrando di non conoscere le regole della prospettiva. Un "fotografo" che non sa usare Photoshop è meglio che cambi lavoro e difatti lo ha fatto 😁 Rispetto ai tuoi video di approfondimento e analisi che analizzano ogni più piccolo dettaglio, il Fake documentario American Moon sembra un prodotto fatto da un bambino delle elementari per la superficialità con cui ha affrontato i vari argomenti.
    Con American Moon, MM si è bruciata la sua poca credibilità che gli restava.
    I complimenti per il tuo lavoro sulle missioni lunari sono sempre pochi, hai fatto uno studio unico al mondo!

  22. Come al solito ottima analisi ma, secondo me, c'erano anche altri aspetti da puntualizzare:
    1) Lo scanner usa solo raggi X, sulla luna o nelle fasce di VA sono decisamente poche, nello spazio parliamo soprattutto di radiazione corpuscolare che è molto più facilmente schermabile dei raggi X.
    2) Le pellicole hanno sempre viaggiato precaricate nei magazzini metallici che avrebbero schermato COMUNQUE quasi tutte le radiazioni particellari, i rullini 120 o 220 commerciali, che sarebbero il medio formato da cui sono derivate le pellicole delle missioni NASA, erano avvolti su nottolino in plastica ed avvolti in carta, paragonare un 120 passato nello scanner X dell'aeroporto con le pellicole apollo chiuse in magazzini metallici è una fesseria. Le pellicole 135, cioè il 35mm, aveva una capsula metallica di protezione, i raggi X ci facevano ben poco, per esperienza personale anche su pellicole da 1600 asa.
    3) Nel calcolo degli impatti delle particelle sulla luna non hai tenuto conto della schermatura dei magazzini che comunque di particelle alfa ne farebbe passare ben poche, anche se una particella passa il magazzino, non è detto che impatti la sottile pellicola, nel caso apollo parliamo anche di un supporto più sottile dell'equivalente commerciale per faree rulli da 200 scatti, per cui il tuo calcolo è anche molto sovrastimato.

  23. MM: "Siamo andati sulla Luna?"
    C&S: "No"
    MM: "Bravo, ora si che hai risposto alla domanda"
    E questo è l'unico modo per farglielo dire.

    PS Dato che la terra è piatta e non si muove e che gli anni sono un'invenzione della lobbi dello spumante per farci stappare qualche bottiglia in più, gli auguri di buon anno non ve li faccio 🤣🤣🤣

  24. Ultimo regalo per il 2022. Grazie C&S, è sempre una bella sorpresa ricevere le notifiche dei tuoi video.

Comments are closed.