Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su L'effetto del Calcio sui Popoli: Simbolo oppure Oppiaceo? DuFer e Boldrin è stato compilato e modificato dal nostro team da molte fonti su Internet. Spero che questo articolo sull’argomento Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ti sia utile.

Guarda il video L'effetto del Calcio sui Popoli: Simbolo oppure Oppiaceo? DuFer e Boldrin


Puoi visualizzare altri contenuti su Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà sul nostro canale YouTube: Fai clic qui

Descrizione L'effetto del Calcio sui Popoli: Simbolo oppure Oppiaceo? DuFer e Boldrin

Oggi con Michele parliamo di mondiali e titoli roboanti: sul Calcio.
⬇⬇⬇SOTTO TROVI INFORMAZIONI IMPORTANTI⬇⬇
Abbonati al canale da 0,99 al mese ➤➤➤
I prossimi eventi dal vivo ➤➤➤
Impara ad argomentare bene ➤➤➤
Entra nella Community ➤➤➤
La newsletter gratuita ➤➤➤
Daily Cogito su Spotify ➤➤➤
Canale Discord (chat per abbonati) ➤➤➤
Tutti i miei libri ➤➤➤
Il negozio (felpe, tazze, maglie e altro) ➤➤➤

#calcio #mondiali2022 #duferboldrin

INSTAGRAM:
INSTAGRAM di Daily Cogito:
TELEGRAM:
FACEBOOK:
LINKEDIN:

——————————————————————————————–

Chi sono io:

——————————————————————————————–

La sigla è stata prodotta da Freaknchic:
La voce è della divina Romina Falconi, la produzione del divino Immanuel Casto.
A cura di Stefano Maggiore.

Domanda su Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà

Se hai domande su Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, faccelo sapere, tutte le tue domande o suggerimenti ci aiuteranno a migliorare nei seguenti articoli!

L’articolo Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà è stato compilato da me e dal mio team da molte fonti. Se ritieni che l’articolo Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ti sia stato utile, supporta il team Mi piace o Condividi!

Valuta gli articoli Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà

Valutazione: 4-5 stelle
Valutazioni: 5099
Visualizzazioni: 62924364

Cerca parole chiave Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà
modo Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà
tutorial Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà
Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà gratis
[title_words_as_hashtag]

Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=gWaYUwoF6T0

Related Posts

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su Huawei P30 Lite scattare foto con i gesti e intelligenza…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su LA MIGLIORE RETROILLUMINAZIONE PER LA TUA TV GOOVE 2021 è…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su VI. Intelligenza Artificiale. Possono le macchine pensare? – Matteo Michele…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su AMONG US MA CON L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE! – AI Art Impostor…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su TOP 5 RACING GAMES 2022 – I migliori giochi di…

default-image-feature

Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà ultimo 2023

Stai cercando Intelligenza Artificiale Cos’È Davvero Come Funziona Che Effetti Avrà, oggi condivideremo con te l’articolo su 🔴 NUOVE EVOLUZIONI IN ARRIVO… è stato compilato e modificato…

This Post Has 48 Comments

  1. A giudicare dai commenti direi che appena tocchi il calcio tutti impazziscono, pure in un pubblico "alto" come quello che segue questi video

  2. Questo video è veramente un accozzaglia di idiozie ed elitismo. Peccato, mi sono fomentato con diversi video come quello su Putin e il rifiuto filosofico ad abbassarsi alle sue minacce. D’altronde, come il calcio, questo canale rappresenta la metafora della vita: rimaniamo tutti uomini fallibili, poco importa il livello intellettuale delle persone.

  3. "è la televisione che fa l'effetto, non lo stadio, il potere del vivere cinematograficamente quell'evento te lo trasforma in realtà, ci vivi dentro".

    Ora, io sono d'accordo con il professor Boldrin nel 99,98% dei casi, e anche in questo caso capisco a cosa si riferisce e sono disposto a concedere che l'immaginario della massa si nutra delle immagini etc che esercitano un potere enorme, ok, sono concetti su cui si è confrontato tante volte non solo con Rick ma anche con Davide Marra; detto questo, nel caso specifico, sul serio?

    Stiamo forse mettendo in dubbio le violenze negli stadi, la realtà riprovevole degli ultras, vandalismo, bullismo, violenze varie, tifoserie idiote che imperversano soprattutto negli eventi dal vivo, vissuti con un atteggiamento quasi sacrale e da rito? Stiamo davvero minimizzando tutto questo e dicendo che la colpa ricade interamente sull'aspetto mediatico? Potrei essere d'accordo a dare addosso ai media in letteralmente QUALSIASI ALTRO CASO, ma non in questo, o almeno vorrei che si ammettesse che il calcio rende le persone bestie TANTO dal vivo QUANTO davanti a un televisore.

    Poi tutti i distinguo del caso sono disposto a considerarli anch'io, però anche se questa serie di critiche mi sembrano piuttosto sensate in linea di principio, temo vadano fuori fuoco in diversi passaggi. Non solo il calcio è oppiaceo e meccanismo di compensazione, ma è ancora troppo troppo sacralizzato e "religiosizzato" da troppe troppe persone. E questa cosa l'ha saputa molto ben sfruttare infatti uno stato canaglia come il Qatar, e i media per carità gli vanno dietro. Nel solito meccanismo secondo il quale critica indignata ed elogio finiscono per annullarsi a vicenda e coincidere.

    Sul serio, stimo enormemente il lavoro di divulgazione e gli spunti di discussione portati da entrambi, ma inviterei a riflettere un secondo di più prima di identificare così disinvoltamente e regolarmente UN singolo nemico contro cui scagliare tutto il nostro sdegno: purtroppo le cause dei fenomeni, come voi stessi mi insegnate, sono tante, e complesse. E l'immaginario non è sempre riconducibile a un singolo metodo di fruizione, ma a tanti. Anzi, ritengo che l'unica possibilità che ha l'universo della comunicazione per sollevarsi al di sopra della melma in cui si trova sia riscoprire alcuni dei meccanismi catartici che caratterizzavano un tempo le forme espressive, e che oggi invece sono stati sostituiti dai "due minuti d'odio" (o piuttosto i duemila) di orwelliana memoria, ovunque, in tv, sui social, etc.

    Anzi, credo mi piacerebbe molto ascoltarvi parlando di questo argomento. Chissà se potrebbe interessarvi 🙂 in ogni caso grazie per tutto quello che fate.

  4. Peggio live mai vista su questi lidi. Superficiale, approssimativa, qualunquista. Una robba da Rete4.
    Poi il supposto complotto per far giocare il Marocco contro gli ex colonizzatori senza conoscere minimamente come si è sviluppato il tabellone o che le 2 coppe argentine siano entrambe "ai tempi di Maradona"… Poesia proprio.
    Peccato, da entrambi ci si aspetterebbe molto di meglio. MOLTO.
    Soprattutto che delusione che Rick non abbia trovato nessuno da invitare che davvero sapesse e volesse parlare di calcio (contemporaneo e non) con consapevolezza e conoscenza.

  5. Quando parlano di decolonizzazione lo fanno in chiave calcistica, non economico-politica, quindi direi che è corretto. Basta vedere la Francia che ha buona parte di giocatori di origine africana.

  6. Io ricordo che il Brasile aveva vinto nel 94 perché è stato l'anno in cui è morto Ayrton Senna e alla fine lo hanno ricordato

  7. Rick e Michele, io vi stimo entrambi perché siete molto competenti nelle materie che trattate abitualmente. Tuttavia, fare una puntata del genere essendo così tanto ignoranti sull’argomento no, male male. Ci sono imprecisioni ogni 30 secondi e qualunquismi ovunque, queste cose non ci stanno.

  8. Il "colonialismo calcistico" è stato preso da molti giornali in maniera sbagliata, volutamente o no.
    Per vittoria delle squadre africane sul colonialismo si intende il fatto che da sempre le nazionali europee (Olanda e Francia in testa, Inghilterra subito dopo) tendono a convincere giocatori africani con doppio passaporto (o facendoglielo) a scegliere di rappresentare la nazione europea al posto di quella africana. Dopo le sostituzioni, la Francia in finale aveva 10 giocatori su 11 di origini africane con doppio passaporto. Ovviamente questa cosa non avrebbe però dato nell'occhio quindi hanno preferito allargarla al "colonialismo politico", fuori luogo.

  9. Ma perché il regime iraniano non potrebbe avere politiche economiche liberiste? Il liberismo economico non è legato indissolubilmente alla democrazia vedi il Cile di Pinochet

  10. Scusate ragazzi ma che cazzo state facendo in questa sezione commenti.. Tutti a dire " Non sai di cosa parli Rick " . Ma nessuno a spiegarle cosa c'era da dire in più che avrebbe avvalorato la sua tesi e quella di Michele. Fate veramente ridere , fossi in voi farei qualcos'altro oltre che a segarmi su messi che segna su punizione.. Sarà anche bello ma non potete aggredire chiunque dice che ci sono cose più importanti e che mettere il calcio al centro di tutto è sbagliato. Perché lo è, non c'è nulla da dibattere . Non esistono opinioni , il calcio non rappresenta manco per un cazzo la vita collettiva e il suo benessere. Fa bene a quell' 1% che ha particolari talenti , dimostrate il contrario invece di blaterare.

  11. Ogni parola di questa live tradisce che non conoscete nulla dell'argomento. Da tenere in considerazione per migliorare in futuro raga

  12. Il qualunquismo di questa live è pari ai discorsi calcistici da bar che tanto snobbate.
    Se aveste parlato e discusso sulle baggianate giornalistiche a riguardo del calcio e "colonialismo" sarebbe stato nettamente più interessante; cose scritte solo dai giornali, a cui la maggior parte della gente da peso fino ad un certo punto, perchè già sà che la maggior parte dei calciatori africani gioca in Europa. Non tutti gli appassionati di calcio scendono in piazza a sfasciare i centri storici (talvolta in penose condizioni per ben altri motivi), ma semplicemente si gode un momento sportivo bello, solitamente vissuto in aggregazione con parenti e amici.
    Anche il paragone delle tifoserie europee calcistiche con quelle americane è fuori luogo, proprio per la maniera diversa di vivere lo sport, giusto o sbagliato che sia (poi… mi chiedo se avete mai visto una partita dell'NHL, ma anche qui non voglio generalizzare).

    ps: per quanto il canale sia molto bello e lo seguo con passione, le live con "l'Alluminato" Boldrin partoriscono solitamente i contenuti che preferisco di meno, a causa della boria e qualunquismo che ne derivano. Lo so che sono live leggere, ma sono tutte uguali, con uno stampo piuttosto snob.

  13. Sicuramente è l'oppio dei popoli. È ridicolo esaltarsi per 11 milionari in mutande che prendono a calci una palla, come diceva Gabriel Garcia Marquez. Inoltre lo sport è iniquo per definizione: a livello di campionati vince chi ha più soldi e a livello di olimpiadi, mondiali ecc chi viene da nazioni in cui cui c'è tradizione quindi ci sono allenatori ecc e soldi, inoltre è ridicolo confrontare nazioni in condizioni enormemente diverse.

  14. Ci mancava solo che dicessero che è colpa del (neo)liberismo perchè ha fatto scoprire agli iraniani quanto è bello vivere in una democrazia

  15. Sei troppo intelligente per dare giudizi su argomento di cui nn sai evidentemente nulla, ne del suo contesto storico sociale e tantomeno dell'attualità.
    Paragonare il tifo americano (di qualsiasi sport) a quello europeo é una bestialità, se vuoi essere smentito cerca immagini di derby greci tra olympiakos e pana e capisci che il discorso che fai é campato per aria. L'identità nazionale veicolata dallo sport e dal calcio, son argomenti interessanti ma nn i tuoi a quanto pare, e nn é obbligatorio parlarne. ce ne sono tantissimi, di argome ti in cui le tue riflessioni sono stimolanti, rimani su quelle che fai bella figura, qua perdonami ma sembri un paragone qualunque e qualunquista

  16. Sono tifoso della Roma. Guardavo moltissime partite, soprattutto dai 14 ai 16 anni. Col tempo ho guardato sempre meno partite fino a smettere di guardare ogni partita, rimanendo solo informato sui risultati. Solo chi non vuole vedere, a mio parere, non si accorge che il calcio è una grande barzelletta. Sempre le solite polemiche, le solite squadre che vincono (non parlatemi delle cattedrali nel deserto per favore), il pessimo modo di gestire le risorse finanziarie e distribuirle tra le squadre (come invece è il Draft in NBA), la ridicolaggine dei soldi che prendono questi soggetti etc. Il mondiale di calcio in Qatar è lo schifo per eccellenza e segna la fine di un qualcosa che era già morente da tempo

  17. Do una bellissima notizia ai due signori che ho finora ascoltato sproloquiare, i quali, essendo poco informati sull’argomento specifico, se la sono evidentemente persi: il calcio, questo oppio dei popoli, vive da anni un calo di seguito e di interesse, soprattutto tra le giovani generazioni, soprattutto nei Paesi europei di più lunga tradizione calcistica, soprattutto tra i nativi di questi Paesi.
    Ciò è vero al punto che nel post Covid i club d’élite si sono trovati in serie difficoltà economiche e hanno proposto un nuovo torneo esclusivo (la Superlega), che nei loro piani avrebbe riacceso interesse presso questa nicchia di mercato.
    Il tentativo è stato abortito sul nascere, ed è una buona notizia, ma per voi due c’è una notizia ancora migliore: se anche fosse andata in porto, la Superlega non avrebbe minimamente raggiunto il suo scopo di attirare nell’oppio i millennial e le generazioni Z del Primo Mondo che si dimostrano così immuni al suo fascino rispetto ai loro genitori e nonni.
    Esultate quindi per questa umanità giovane, progredita e benestante che si sta disintossicando, lentamente ma inesorabilmente, da ciò che è stato così a lungo una micidiale arma di distrazione di massa.
    Io non mi unisco alla vostra esultanza, per un motivo molto semplice, e a spiegarcelo è stato proprio il presidente del Real Madrid Florentino Perez, principale sponsor della Superlega: “Il nostro amato sport è malato, le giovani generazioni prediligono altri spettacoli, come piattaforme online o videogiochi… i grandi campionati europei devono offrire partite tutto l’anno, partite che riavvicinino i giovani”.
    Piattaforme online e videogiochi.
    Il vostro discorso sarebbe anche condivisibile, ma che differenza c’è tra un quindicenne marocchino che si infervora per le prodezze della sua squadra, e una quindicenne newyorkese che si infervora per una serie creata con l’ausilio di un algoritmo da Netflix per triggerarle le endorfine parlandole, chessó, di quanto è figo cambiare sesso tre volte a settimana? O un quindicenne giapponese che sta tutto il giorno con un videogioco anch’esso ideato per creargli dipendenza e assuefazione?
    Ve lo dico io: il marocchino, dei tre, è quello meno alienato dal mondo reale (ciò non toglie che lo sia un po’ anche lui, su questo avete ragione eh), quello con la soglia dell’attenzione meno compromessa.
    Perché la verità è che, se il calcio è una forma di intrattenimento (un oppio), è una pessima forma di intrattenimento, dove per ‘pessima’ non intendo in senso morale, ma nel senso che intrattiene poco e male rispetto a Fortnite, Netflix, Pornhub, Cartoni Morti, etc.
    Il calcio è uno sport a basso punteggio, a eventi rari, pieno di tempi morti e di lunghe fasi di insignificanza.
    Capirne la tattica non è immediato, neanche astrarre dagli eventi secondari per cogliere il succo dello svolgimento di una partita.
    L’unica cosa immediata davvero è urlare “gol” quando la palla va in rete 😂, è poco altro.
    Ma soprattutto una partita di calcio non è un evento predeterminato per piacere, né per assuefare, né per dare un insegnamento morale/ideologico, è imprevedibile nel suo svolgimento, l’eventuale insegnamento morale/infervoramento è qualcosa cui chi assiste perviene a seguito di ciò che accade dando LUI una forma agli eventi, non subendo quella di chi ha scritto la sceneggiatura del match (per gli sveglioni che mi diranno: “eh ma ci sono state un sacco di partite pilotate in realtaaaaaaa!1!”: le partite vengono pilotate SEMPRE per ottenere un risultato, MAI per avere più audience tramite uno spettacolo più eccitante, prova ne sia che le partite pilotate sono di norma ancora più noiose da vedere delle altre, ancora meno “oppiacee”).
    Quindi, se voi esulterete quando questo sport si sarà ridotto a un fenomeno sempre più di nicchia, non troppo diverso dalla musica di Morton Feldman o da Ligatura x di György Kurtàg, io esulto ogni volta che vedo un ragazzino che preferisce guardare un Cittadella-Modena 0-0 in cui nessuna delle due squadre riesce a tirare in porta per un’ora con suo padre, sul divano o allo stadio, anziché stare chiuso in camera con Fortnite o il Trono di Spade. Penso che in quel ragazzino c’è ancora spazio per la vita.
    Buona continuazione a tutti e buona NBA a Dufer, che quella gli piace, sono pochi, il campo è piccolo, si fa canestro ogni tre secondi, non ci sono tempi morti e la lega è chiusa e offre solo partite d’élite, che i giovin signori che guardano mica possono annoiarsi ❤

  18. Quello del 2006 è stato l'ultimo mondiale che ho guardato.
    Poi il patetico disagio delle persone in mezzo alle quali mi trovavo mi ha fatto perdere l'ultimo barlume di interesse per quella baracconata. Uno stupido circo fatto per poveracci che si atteggiano a patrioti ogni 4 anni, tentando di dimenticare quanto fanno schifo come cittadini.

  19. Rick dice che il basket non produce tifoserie violente. Falso. Il punto è dove sono queste tifoserie e infatti lui cita solo il tifo americano. L'Europa ha tifo violento anche nel volley dove non c'è contatto fisico (in Grecia ci fu un famoso episodio una quindicina di anni fa). Il basket nei Balcani, ad esempio, è una cosa seria. Tragica a volte.

  20. Un video superficiale purtroppo, non è che bisogna parlare di tutto eh soprattutto se non si sanno le cose

  21. Sarebbe bello però se invitaste qualcuno che sa qualcosa in più sull'argomento

  22. Mi dispiace molto per la mancata opportunità di trattare possibili argomenti e tematiche più profonde di quelle già proposte nel video. Ho visto che molte persone hanno espresso il mio stesso pensiero in modo esauriente, quindi non mi dilungherò troppo( conscio che sono anche arrivato "tardi " a commentare)
    Semplicemente mi aspettavo di più: troppe inesattezze, doppiopesismi e fallacie logiche. Si combatte una retorica con altre retoriche tipiche anti-calcio. Va bene che è una chiacchierata, ma non da bar almeno.

  23. È vero che gli ultimi europei li hanno vinti paesi europei PIGS "poveri" (Grecia, Spagnax2, Portogallo, Italia), però va detto che gli ultimi mondiali sono stati vinti da Francia e Germania che non sono esattamente due paesi poveri.
    Rick un po' poco informato.

    Per il resto è sempre un piacere ascoltarvi. <3

  24. I mondiali più corrotti e pagati della storia. Da quando sono stati organizzati

  25. Faccio notare l'incoerenza argomentativa di dire: a) gli occidentali che pensano che la vittoria del Marocco sia importante per l'Africa sono degli intellettualoidi sul divano colonialisti b) procedere a sostenere dalla tua sedia situata in Italia che invece quella vittoria non ha importanza per l'Africa. In entrambi i casi non possiamo saperlo ma sappiamo solo che é un momento storico per il calcio africano e (questo sí) stato un momento molto sentito nel mondo arabo. Detto ció é chiaramente impossibile che una vittoria sia importante per un intero continente ma ció non toglie che per molti immigrati in Europa ad esempio, soprattutto di origine araba, é stato un momento significativo. Altra nota a margine: il collegamento con la Palestina é stato fatto non dai giornalisti bianchi radical chic, ma dai giocatori del Marocco che festeggiano quasi ogni vittoria con la bandiera palestinese

  26. Il motivo per il quale si parla di "riscatto", "rivincita" e lotta metaforica al colonialismo è perché molti calciatori marocchini non sono nati in Marocco. Negli anni precedenti Nazionali come la Svizzera, la Germania (ma anche la Francia) hanno potuto sfruttare l'atletismo di alcuni giocatori di origine africana. In questo caso, invece, quei professionisti marocchini nati in Europa (che fanno parte di club di alti livelli) hanno deciso di giocare per il proprio Paese d'origine. Il paragone con la guerra per me non c'entra nulla. Ci sono persone – come me – che masticano calcio tutto l'anno. Anche seguendo competizioni di cui non fanno parte squadre per cui tifo. Io sono di Bologna e tifo per il Bologna. Il calcio è bello, punto. Una partita è godibile, tattica e le giocate sono entusiasmanti. Così come lo è il basket (io seguo la Virtus). Poi è chiaro, a volte si vince, a volte si perde.

  27. Ancora che continui ad invitare un involucro vuoto come ospite, occhio che se tra qualche anno non gli andrai più a genio rischi che si riferisca a te e alla tua community come "handicappati" come ha fatto recentemente

  28. Molti giocatori di origine africana anche di seconda e terza generazione, hanno in tasca il doppio passaporto e fino a pochi anni fa optavano sempre per giocare nelle nazionali europee. La novità è che ora alcune Federazioni africane, spalleggiate e finanziate dai governi locali, hanno cominciato a offrire denaro ai migliori giocatori che sono rientrati a giocare per le nazionali di origine. Al centro di tutto ci sono interessi economici del tutto legittimi. Il Marocco ha speso ingenti quantità di denaro per tirare su una Academy calcistica, e i frutti di queste iniziative si vedono

  29. Ci può stare quello che dite, il calcio da sempre ha significato "altro" ma in genere lo sport lo è stato.
    Per il Marocco sono contento ho visto tanti marocchini in Italia festeggiare ed essere felici anche solo per aver vinto per una volta in uno sport occidentale.

  30. Per quanto non sia sicuramente un supporter del mondo calcistico la vostra discussione so ferma ad un livello base, senza argomentazioni, del tutto superficiale. È quindi per me una discussione totalmente inutile.

  31. Ciao Rick, ciao Mike,

    Non so quanti di questi articoli siano effettivamente riguardo al fenomeno che sto per descrivervi, ma si usa l'espressione "colonialismo calcistico" per descrivere quella tendenza a considerare il calcio africano e asiatico eccessivamente più "scarso" rispetto a quello europeo o sudamericano.

    Il "riscatto" del Marocco (e più in generale anche delle altre 4 nazionali africane) potrebbe anche stare nel fatto che se la stiano giocando ad armi pari con tutte le nazionali pur avendo commissari tecnici africani.

    In passato le nazionali "minori" erano viste quasi esclusivamente come occasioni per allenatori provenienti da federazioni più blasonate ma che in patria facevano fatica ad emergere (andatevi a leggere un po' la storia di Hervé Renard, tanto per dirne uno), con il risultato che, nonostante siano 30 anni che calciatori africani giochino tranquillamente nei top club europei, ai mondiali quasi non c'era partita.

    Da sottolineare il fatto che i due allenatori africani che hanno passato i gironi in questa edizione (Cissé e Regragui) non hanno mai allenato in Europa.

    Si può dire che per una volta le federazioni africane abbiano scommesso sull'Africa, vincendo.

    Poi è solo calcio eh, tante belle storie, ma chest è

  32. 4:33, Boldrin: Partiamo dalla questione Marocco e poi vediamo la questione del calcio: (grande sospiro di riflessione) la questione calcio… ahahah

  33. D'accordissimo con ciò che hanno detto Rick e Michele. Unico appunto il football americano è lo sport più seguito negli states

  34. Sono d'accordo con tutto. Gli unici che beneficeranno dalla vittoria di un paese misero saranno i loro dittatori e non la gente comune, proprio come il fatto che il Qatar ha deciso di tenere i mondiali per prestigio

  35. Parlo da appassionato: il calcio è SEMPRE stato uno sport molto seguito, fin dall'inizio del '900, non è colpa sua se attira. Il punto della violenza secondo me sta altrove e cioè come viene narrato, raccontato e fagocitato dalla stampa. Esempio sono proprio i titoli che hai detto all'inizio che con lo sport non c'entrano nulla! Inoltre vorrei sottolineare come i tifosi violenti sono una estrema minoranza rispetto agli appassionati totali di questo sport…solo che riescono a fare casini immani tanto da risaltare poi nelle cronache. Ma sono pronto a scommettere che se da domani e per anni a venire venisse preso un altro sport a caso (basket, pallavolo…) e gli venisse data la stessa importanza mediatica che si da al calcio, anche questo sport diverrebbe la stessa cosa. Questo però non accadrà mai, e semplicemente perché il calcio attira molto più di altri sport. Punto. Di questo bisogna farsene una ragione. Non è diventato prevalente nell'era dei social o delle TV, ma lo era già in passato, agli albori e negli anni successivi, anche quando lo si seguiva con le radioline in ogni angolo del paese.

  36. Vorrei chiarissi questo punto della colonizzazione che in un qualche modo sarebbe da salvare. Detta come l'hai detta qui, francamente, è assolutamente inaccettabile. Che la globalizzazione sia il roseo risultato di centinaia di migliaia di nativi massacrati, deportati e schiavizzati dagli europei è molto hegeliano da parte tua.

Comments are closed.